fbpx

Mese: Settembre 2020

Noi, SPAZIOURBANO – 2° puntata

Noi, SPAZIOURBANO – 2° puntata

Dopo il grande seguito della prima puntata della nostra serie animata in cui abbiamo presentato la nascita del nostro brand, è già tempo di presentare la seconda. Questi brevi video settimanali racconteranno chi siamo in maniera simpatica e informale.

Mercoledì 30 Settembre ore 15.00 sul nostro canale youtube sarà online la seconda puntata.

Si parlerà di Daniele Modugno, colui che ha iniziato questo lungo percorso. E’ stato lui ad aprire nel 2005 l’agenzia, che successivamente è diventata SPAZIOURBANO, creando il nuovo marchio.

Potrete vederlo anche da qui: guardatelo, commentatelo e condividetelo…

Restate connessi con noi!

Noi, SPAZIOURBANO – 1° puntata

Noi, SPAZIOURBANO, il nostro è un brand giovane, nasce nel 2014, ma la nostra storia parte da molto più lontano ed è l’insieme di diverse esperienze che ci ha portato oggi ad essere qui sul mercato da oltre 20 anni.

Vent’anni intensi, in cui siamo cresciuti, da giovani ragazzi appena usciti dalla scuola a professionisti affermati. Sono stati anni a volte difficili, che hanno attraversato mercati e momenti diversi. Abbiamo visto passare tanti collaboratori, molti li abbiamo cresciuti ed oggi sono anch’essi professionisti del settore, altri hanno preso strade diverse, ma certamente a tutti abbiamo dato e ricevuto qualcosa di importante.

Siamo partiti con tanto entusiasmo e spensieratezza, tipica dei ragazzi giovani, gli anni sono trascorsi velocemente ma siamo ancora qui: entusiasti, felici ed appassionati.

Per raccontare un pò la nostra storia abbiamo scelto di creare una serie di brevi video animati che riassumono i passaggi più significativi della nostra crescita in maniera, crediamo, simpatica.

Il primo sarà online mercoledì 23 settembre dalle 15.00 sulla nostra pagina youtube, potete cliccare qui sotto per vederlo. Ci auguriamo che vi piaccia, state connessi…

Noi, SPAZIOURBANO – 1° puntata
ENNEATIPO 1, IL PERFEZIONISTA

ENNEATIPO 1, IL PERFEZIONISTA

Ho deciso, perché lo ritengo importante, d’approfondire in vari articoli ogni enneatipo delle personalità. Scrissi già in specifico blog tempo fa di questo argomento, l’ho ripreso nel mio libro “Risorse umane e agenzie immobiliari: croce o delizia?”, e oggi partiamo con l’analisi specifica del primo, il N1.

Breve premessa, cerco continuamente di migliorarmi, uno dei passaggi fondamentali per farlo è conoscersi che, oltre ad essere indiscutibile vantaggio competitivo, spero aiuti anche altri a farlo. Desidero capire e rispettare il prossimo e sarebbe fantastico il contrario. Bene, per ottenere questo risultato non domando ma aiuto a riflettere. Ogni personalità nasconde in sé il bene ed il male, ciò che si decide di foraggiare maggiormente emerge, immaginate che noia l’assenza di queste due componenti, quale gratifica per i propri sforzi, ma serve esserne consapevoli della presenza. Quest’estate sono stato in montagna, come già scritto, confermo che la amo in tutti i suoi aspetti, soprattutto quelli più duri. Il mio enneatipo è il N 6, caratterizzato dalla passione paura, che si sposa adeguatamente con le vette alpine. Messner disse: “Solo raramente riesco a superare il mio essere separato dal mondo. Allora mi sento un tutt’uno con il cosmo: arrampicando. Il mio più grande nemico è la paura. Sono un uomo pauroso e come tutte le persone paurose desidero superare ardentemente le mie paure. La vittoria sulla paura è una sensazione di gioia che mi avvicina a me stesso”.

Diciamo che è un “Io sono pronto, e Tu montagna?”.

Veniamo al nostro enneatipo 1, corrisponde a una personalità complessa e sorprendente. È il “perfezionista”, quel profilo che si sforza quasi in ogni momento di essere coerente, ben intenzionato e sempre virtuoso. Tuttavia, è comune per tale soggetto nascondere una certa quantità di rabbia repressa, alcune aree di errore che gli impediscono di raggiungere il suo pieno potenziale.

L’enneatipo 1 è caratterizzato dalla necessità di essere sempre coerente: avere ragione, essere buoni, obiettivi e razionali.

Non dobbiamo vedere queste caratteristiche come negative o limitanti, tutt’altro. Dobbiamo ricordare che l’obiettivo finale dell’enneagramma è di servirci proprio da prezioso strumento di conoscenza di noi stessi. È un modo per conoscere le nostre “maschere”, per approfondire i bisogni, gli istinti più profondi, le emozioni, i processi mentali e anche le potenzialità.

L’enneatipo 1 ha a sua disposizione grandi risorse e interessanti abilità che, secondo questo approccio, possono essere sviluppate al massimo se approfondisce il suo carattere e la sua coscienza, lavorando sugli aspetti più problematici.

Enneatipo 1: condurre una vita coerente e priva di errori! Perché? Faccio una lista:

  • Ossessione per i dettagli;
  • Liste per qualsiasi cosa, così come schemi, promemoria, ecc;
  • Ogni compito deve essere perfetto. Tuttavia, questa esigenza è allo stesso tempo fonte di continue frustrazioni perché non si sentono mai soddisfatti. Questo comportamento li porta all’esaurimento, coinvolgendo spesso anche gli altri in questo sforzo, al punto di creare tensioni e disaccordi;
  • Sono coscienziosi, spesso inflessibili e scrupolosi;
  • Hanno un alto senso di giustizia, di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato (secondo loro), di ciò che è desiderabile e corretto;
  • Nel loro dialogo interiore ci sono molti “dovrei”, “devo” e “bisogna”;
  • Di solito non delegano compiti ad altre persone, difficilmente fanno squadra o si fidano degli altri in questioni lavorative perché dubitano che possano essere efficaci quanto loro;
  • Sono molto attaccati alle loro cose, ai loro beni, alla loro famiglia… un attaccamento spesso poco sano.

Ancora:

  • Se la perfezione esiste perché non cercarla, la perfezione è possibile;
  • Crede che alle persone manchi la volontà di cambiamento;
  • Credono di non meritare amore se imperfetti;
  • Razionalizzano l’ira per giustificarla;
  • Rigidi e critici;
  • Cercano sempre di correggere gli altri e a volte può non sembrare che lo facciano;
  • Difficilmente spontanei e hanno difficoltà a lasciarsi andare in cose piacevoli;
  • Credono di avere sempre ragione;
  • Sono cresciuti rapidamente, non hanno giocato;
  • Raramente perdono le staffe;
  • Moralmente inattaccabili;
  • È il carattere più lontano alla spontaneità;
  • Controllano perfettamente cosa e come si esprimono;
  • Capacità di trovare sempre “l’errore”;
  • Si sentono buoni, superiori e questo gli conferisce il diritto di…;
  • Non si accetta cerca di modificarsi continuamente;
  • È corretto e correttore;
  • Esprimono la componente aggressiva tramite la critica;
  • Ha molta rabbia repressa;
  • Possono sembrare aristocratici nel modo di comportarsi;
  • Ossessionati con l’ordine, la pulizia e il modo in cui posizionano gli oggetti;
  • Gli risulta molto difficile esporsi troppo perché è andare fuori dalle “norme”;
  • Sono molto responsabili e inflessibili;
  • Controllano gli impulsi;
  • Molto simili all’alta società inglese (comportamento da Lord);
  • Riformatori, credono di fare le cose per il tuo bene (in realtà vogliono che tu sia come loro);
  • Riescono a essere grandi inquisitori e poi provano frustrazione;
  • Il piacere non fa parte dei suoi obiettivi;
  • Sono generalmente freddi e seri;
  • Buoni cittadini e persone molto rispettabili;
  • Persone Leali, giuste, fedeli ed energiche;
  • Gente che prende molto seriamente la vita;
  • Sobri;
  • Si arrabbiano molto per far notare che stanno male;
  • Quando credono che non sono amati soffrono molto, perché si sono impegnati molto per esserlo;
  • Sono puritani, quando si impongono una regola la seguono al massimo;
  • Componente Nevrotica.

L’enneatipo 1 di solito presenta un background emotivo abitato dalla rabbia. Questa dimensione conferisce al suo carattere rigidità e mancanza di spontaneità. Questa rabbia non è che il risultato di frustrazione accumulata e la sensazione che intorno a essa aleggi un eccesso di ingiustizia, negligenza o cattive azioni che sfuggono al suo controllo.

In quale modo l’enneatipo 1 può raggiungere la realizzazione personale?

  • Riducendo il loro esagerato idealismo;
  • Abbassando il volume di quella voce interiore critica, a volte anche ipocrita, che richiede un virtuosismo morale che a volte nemmeno loro possono raggiungere;
  • Riducendo i “dovrei” e le auto-imposizioni che spesso rendono prigionieri, circondati da richieste molto limitanti;
  • Imparando a delegare, fidarsi un po’ di più degli altri;
  • Comprendere che il mondo, le persone e molte cose che ci circondano non possono essere sempre come vogliamo. Vivere è soprattutto “essere e lasciar essere”, e significa permettere ad altri di agire come vogliono senza che ciò ci privi di aria e calma, senza che alimenti la nostra rabbia e ci dia ulteriore frustrazione;
  • Prendere contatto con le proprie emozioni e incanalarle, rilasciarle. Tutta questa rabbia repressa deve dissolversi, ogni insoddisfazione deve trovare aree meglio ventilate in cui capire che il perfezionismo va di pari passo con l’usura, che la disciplina ferrea porta all’esaurimento.

Un enneatipo 1 sano ed esaustivo è soprattutto una persona libera dai propri attaccamenti mentali. In questa nobile aspirazione di raggiungere un mondo più giusto e un essere superiore e perfetto, si trova una sfera intermedia in cui potersi sentire davvero realizzati e utili. È uno strato psicologico in cui le emozioni sono più adattate e dove c’è un’accettazione più umile della realtà. Quando si smette di essere un “inseguitore di errori” interni ed esterni, si inizia a vivere con più calma e soddisfazione, essendo più flessibili e compassionevoli. Se sei un enneatipo 1, molla la presa, rilassati e abbi fiducia anche negli altri. Non puoi trasformarti nel tuo ideale, è impossibile arrivare a essere tutto ciò che immaginiamo. Devi accettare le cose e le persone così come sono. Identifica le tue necessità emozionali, ne hai sicuramente come ogni essere umano. Hai diritto a essere preoccupato o triste. Puoi mostrare le tue necessità e chiedere aiuto ad altre persone. Avere vulnerabilità non significa essere deboli, significa essere umani.

Bene, ricordo a chiunque si identifichi in questo profilo non vedrà ogni caratteristica abbinata, la maggior parte, certamente la passione più grande: LA RABBIA.

Amo questo profilo, con tutto il cuore, è il mio preferito perché è il mio opposto, contiene tutto ciò che mi manca nel bene e nel male, ciò che considero il mio tutto. Quello che devo capire è se realmente il mio ennaeatipo ha la stessa valenza per il N1.

A presto con l’analisi del successivo !

Davide Bosisio

VACANZE FINITE, VOLTARE PAGINA!!!

Primo blog post vacanze estive, come state? Io benone, sono tornato con tanta voglia di fare bene e continuare a lavorare per realizzare i miei sogni.

Ho passato una decina di giorni in montagna quest’anno, erano anni che non lo facevo nel periodo estivo, devo dire che è stato un toccasana, per l’aria che ho respirato e le attività sportive svolte per riempire le giornate divertendomi a fare cose che non mi è concesso nella vita di tutti i giorni nella mia Milano.

Ma il bello sta proprio lì, attirano sempre le cose che non conosci o che non puoi fare quando ti garba e allora escursioni, rafting, arrampicate, relax in piscina, cibo alpino, case diverse, cultura diversa, prati verdissimi, tanti fiori. Bellissimo.

Sono dell’idea che viaggiare aiuta a crescere, o meglio, a vedere il mondo in maniera più attenta, matura. Apre la mente, ti porta via dalle preoccupazioni, ansie, routine e ti riqualifica per affrontare qualsiasi cosa con uno spirito nuovo. Ovviamente l’aver scelto la montagna non è stato casuale, volevo vedere la metafora della vita applicata alla realtà. Tanta fatica a tratti, come l’insegnate più valida e cattiva che esista: l’esperienza.

E sì, perché prima senti fatica, non capisci perché delle cose, spesso la mente viene offuscata da essa ma poi, quando arrivi in cima….. Quando arrivi in cima dici “ bello “ ma tendi ad apprezzare quello che hai fatto prima, la fatica, perché è grazie ad essa che si apprezza la vista.

Ecco, come nel lavoro, si fa fatica, si sbaglia, si fa bene, tante cose ed emozioni differenti e poi, a risultato raggiunto, la gratificazione non sta lì ma nel guardarsi indietro, ciò che si è fatto per arrivare lì.

Complicato?

Non credo, basta immedesimarsi, chiudere gli occhi e provare a rivivere un’esperienza, la mente va alle difficoltà e non alla soddisfazione del fatto in sé.

Ho vissuto nel recente passato un qualcosa di incomprensibile per una persona razionale come me, pragmatica di direi, una montagna incredibile che ho tanto sognato di raggiungerne la vetta da non essermi curato del percorso, di munirmi delle giuste attrezzature, solo cuore, poca testa. Risultato? Mi sono ritrovato a valle. E’ male? Non credo, se qualcosa non avviene è perché cosi doveva essere, e non guardo alle responsabilità ma a come rifare quella cosa meglio. Ho incontrato ostacoli come la paura, bestie cattive come la diffidenza, letame come metafora di quanto mi è arrivato, il mio lato oscuro, sentieri incantevoli e ho capito che per arrivare lassù non serve cercare scorciatoie, si perde la bellezza del cammino, la crescita, e la vista della cima. Puoi fare un sacco di kmetri dando tutto ma se poi sbagli non c’è perdono, anzi. E’ giusto cosi, chi sbaglia paga, se no come capisci l’errore?

Allora mi sono detto, andiamoci veramente in questo diavolo di montagna e vediamo come si fa per fare meglio poi. Fatto! Ora sono felice e auspico che chiunque leggerà provi a intervallare la vacanza al mare alla montagna anche perché, detto tra noi, l’unica cosa che quest’ultima non possiede è la noia.

Rinnovo dunque l’augurio di uno sfolgorante inizio delle attività lavorative a tutti e, se dovesse servirvi della valida e appassionata consulenza immobiliare, non esitate a rivolgervi a Spaziourbano.

 

Davide Bosisio

VACANZE FINITE, VOLTARE PAGINA!!!

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi