fbpx

Tag Archives: investimenti

Qual è il profilo giusto per investire all’estero?

Qual è il profilo giusto per investire all’estero?

Da qualche settimana, come annunciato nel blog, abbiamo stretto una convenzione con una società che si occupa di investimenti all’estero ad alto rendimento. Si tratta di una società convenzionata con la FIAP, nostra associazione di categoria, che opera già da oltre 10 anni in questo settore investendo anche in prima persona sugli immobili che propone. Sul nostro sito è già presente una selezione di proposte internazionali di cui si può prendere già visione.

Una bella sfida per noi di SPAZIOURBANO, siamo convinti di poter far bene anche in questo segmento e di poter offrire nuove opportunità di business a tutti i nostri clienti.

Iniziando questo nuovo percorso, una delle prime domande che ci siamo posti è qual sia il profilo più idoneo per investire all’estero: deve essere molto facoltoso o è sufficiente che sia semplicemente più “sportivo” o di vedute più ampie? Analizzando bene le opportunità che ci hanno sottoposto posso dire che la risposta è semplice: non è una questione né di soldi, nè di apertura mentale, le regole sono sempre le stesse, bisogna identificare le tre cose essenziali:

  • BUDGET
  • OBIETTIVI
  • TEMPO

E’ sempre da questi 3 fattori che si inquadra un investitore e lo si orienta sulle prospettive per lui più idonee, cucendogli addosso l’investimento più opportuno.

Quando si decide di effettuare un investimento, spesso, ci si trova davanti ad un bivio. Da una parte c’è il desiderio di ottenere un ritorno nel più breve tempo possibile, far fruttare da subito il denaro; dall’altra c’è l’esigenza di difendere il frutto del proprio lavoro e dei propri investimenti precedenti.

L’obiettivo è quello di far convergere le due strade verso la stessa direzione, due corsie della stessa autostrada finanziaria.

Investendo con noi e in nostri partner è possibile difendere il proprio capitale nel tempo, acquistando in zone in forte crescita, che garantiscono una buona rivalutazione nel tempo ed avere allo stesso tempo un ritorno immediato con un’ottima rendita annua.

Noi, insieme ai nostri partner possiamo offrire un’assistenza continua e completa con costanti aggiornamenti sulle novità legislative, sulle oscillazioni dei mercati e sulle opportunità internazionali, con la consueta serietà, trasparenza, professionalità.

Chi è quindi l’investitore tipo?

Dal piccolo investitore privato al grande fondo istituzionale, a chiunque cerchi investimenti immobiliari ad alta redditività.

Ogni giorno i nostri partner analizziamo il mercato immobiliare internazionale alla ricerca di elevati margini di apprezzamento, rendimento e opportunità competitive per offrire investimenti immobiliari ad alta redditività a: 

  • Privati che acquistano con la finalità di costruirsi una rendita integrativa e una rivalutazione nel tempo;
  • Privati interessati a una casa per le vacanze o per il lifestyle con la garanzia di un interlocutore che ha già preselezionato gli immobili;
  • Investitori che desiderano diversificare il proprio portfolio in investimenti dall’asset concreto, in un altro mercato, con una chiara e sicura redditività annuale e ottime opportunità di capital gain;
  • Investitori istituzionali che ricercano un vero e proprio Real Estate Asset Manager per strutturare e gestire soluzioni finanziarie articolate o che funga da advisor per le stesse.

A tutti loro offriamo la nostra professionalità, la nostra competenza e tutta la nostra esperienza per far sì che l’investimento sia fatto su misura per ogni cliente che si affiderà a noi.

 

INVESTIMENTI IMMOBILIARI

Ecco un bel argomento che stuzzica l’immaginario generale, gli investimenti immobiliari.

Investire nel mattone ha tante sfumature, c’è chi compra come abitazione principale, chi per mettere a reddito, chi per generare plusvalenza, insomma, ognuno in ragion delle proprie esigenze. La psicologia è molto differente, l’una dall’altra, dunque andiamo ad analizzarla per poi capire come approcciare in maniera corretta all’acquisto.

Premessa fondamentale su cui poggia tutto l’articolo, un buon investimento immobiliare fonda le sue basi sull’abilità di effettuare un’eccellente fase di ACQUISTO, non rivendita. Ricordate questa frase perché la troverete insita, sebbene non più esplicitata, in ogni tipologia di business.

ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE

Chi compra casa per viverci stabilmente, che richiede i benefici prima casa, di norma tende ad acquistare nel libero mercato senza pretese di fare l’affare, ma con la chiara intenzione di comprare nel mercato e non oltre. Superata questa fase la concentrazione è tutta sul bene, le sue caratteristiche, comodità e particolarità. Poi cambiano le interazioni tra le parti, osservando il mercato di Milano noto come in zone di minore appeal vale tutto sommato quello che ho scritto sopra, in altre più spiccatamente IN, non necessariamente per qualità ma prevalentemente per posizionamento, la tendenza talvolta supera i confini del valore. Tutto questo “potere economico” se rivolto al mondo delle aste immobiliari rende l’acquirente con questo profilo maggiormente papabile all’acquisto del bene e temuti, non a caso, dagli investitori speculativi.

COME ACQUISTARE SERENAMENTE? Appurare la coerenza del prezzo nel mercato locale, verificare la presenza di trascrizioni pregiudizievoli, analizzare la situazione condominiale, dove necessario,  e l’urbanistica/correttezza tecnica del bene.

ACQUISTO E SUCCESSIVA LOCAZIONE

Questa tipologia di utente è, a mio avviso, da catalogare come fase intermedia tra i due estremi citati nel paragrafo d’apertura. Chi compra per mettere a reddito vede l’immobile non come bene per sé ma da destinare ad altri, si perde un pochino la fase emozionale e prevale quella di business, ragionamento. La tendenza è “fare un affare” ma senza esagerazione perché chi segue questa linea d’investimento considera l’ammortamento negli anni sul prezzo di acquisizione e vede chiaramente il Delta in ottica prospettica.

COME ACQUISTARE SERENAMENTE? Oltre a quanto detto per acquisto abitazione principale, serve capire bene dove acquistare, la location diventa indispensabile. Quando parliamo di locare il bene, potremmo avere varie forme, classico uso abitativo 4+4 dove la localizzazione potrebbe non rivestire grande importanza, B&B al contrario richiede servizi perché sia fruttifero, contratti a lavoratori e studenti richiede altre attenzioni. Fatto ciò, bisogna prevedere anche i costi, non solo di acquisto. Se locate un bene, in qualunque formula, otterrete un reddito su cui pagare la tassazione in vigore.

INVESTITORE, IMMOBILIARISTA

Questa figura è quella generalmente di un professionista che ha stampato negli occhi non pupille ma simboli di denaro. Cercano l’affare e non solo, questo affare deve avere un margine ben preciso. Di solito un investimento così pensato non può non avere un potenziale Delta di almeno un 30%. Le aree d’intervento sono diverse, acquisto di un bene da riattare per gestire la plusvalenza al meglio con intervento di ristrutturazione, acquisto in asta, acquisto area o fabbricato per nuova edificazione o riqualificazione, acquisto in mercato basso con lungimiranza per dismettere nel mercato alto, cessioni di preliminari, saldi e stralci. Insomma, l’ambito è maggiormente variegato perché più complesso e richiede preparazione.

COME ACQUISTARE SERENAMENTE? Attraverso un’accurata due diligence a 360° del bene, generando un corretto business plan in ogni dettaglio e piano economico dettagliato.

 

Ecco, noterete da voi come sia complesso il settore immobiliare, se lo si vuole affrontare bene, e quanto mai importante farlo affiancati da professionisti che nel loro Dna etico possiedono queste skills supportive evitando acquisti da privati per risparmiare apparenti denari d’intermediazione che si tramutano spesso in effetto boomerang poi.

“Certo è il tuo mestiere, per questo scrivi così” sarà, ma vedo che sempre più persone partecipano, e spendono fior fior di quattrini, in eventi formativi specifici in questa direzione ma poi il problema è la mediazione.

E’ ormai 20 anni che vivo il mondo immobiliare e ancora, grazie a Dio, imparo cose nuove. Pensate che un corso di 3 giorni, una settimana, un mese risolva? Certo, è utile per entrare nella corretta forma mentis, ma se poi non si vive giornalmente l’argomento, ma solo estemporaneamente, è meglio che pensiate di affidarvi ad un professionista.

Vi faccio un esempio personalissimo, tra le mie passioni ne esiste una rivolta alle arti bianche, quando possiedo tempo libero mi piace fare pane, pizze, focacce e affini in primo luogo perché mi rilassa e poi perchè mi piace sperimentare e farlo bene, adoro farlo pensando a chi amo. Ho letto, seguito corsi on-line ma non sono un professionista e dunque non ambisco a diventare la star di cucine da incubo o il nuovo Bonci. Magari avessi l’opportunità, e il tempo, per pagare e imparare da una figura competente.

Ad ognuno il suo mestiere !!!

Spero si stato un articolo utile, se vorrete approfondire qualunque aspetto per necessità dirette Spaziourbano sarà lieto di condividere le proprie abilità nel supportare un’esigenza specifica.

 

Davide Bosisio

INVESTIMENTI IMMOBILIARI
Recupero seminterrati in Lombardia

Recupero seminterrati in Lombardia

In Lombardia è stata approvata la legge che consente il recupero dei seminterrati che potranno essere trasformati anche in abitazioni.

Si tratta di spazi spesso rimasti inutilizzati negli ultimi anni e con un mercato pressochè nullo, specie in alcune zone, che invece ora possono ritrovare nuova vita e fornire nuove opportunità di business.

Le caratteristiche principali che questi spazi urbani devono avere per poter essere trasformati in abitazioni, sono:

  • avere un’altezza media di 2,40 mt. In caso di altezze irregolari, l’altezza media viene calcolata dividendo il volume della parte del seminterrato che supera 1,50 mt di altezza per la superficie relativa.
  • avere i rapporti aeroilluminanti, ottenibili se lo spazio è collegato ad una abitazione, anche in maniera artificiale, quindi con strumenti tecnologici, mentre se si tratta di una unità a sè è consentito l’uso della tecnologia solo per il 50%.

La procedura per il cambio di destinazione d’uso è semplice senza burocrazia e senza oneri da pagare finchè l’immobile è al di sotto dei 100 mq di superficie.

Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni per i cookie di terze parti leggi l'informativa completa maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi